|

Tutto quello che devi sapere sulla ricetta medica

By alessio

La ricetta medica è un documento che viene emesso dal medico per prescrivere i farmaci etici e trattamenti sanitari che un paziente deve assumere per trattare la propria condizione medica.
Basta che quest’ultimo presenti la ricetta in farmacia per ricevere o acquistare i medicinali specificati.
Può essere prescritta solo da un medico chirurgo, ovvero da chi ha i seguenti requisiti:

  • laurea specialistica in Medicina e Chirurgia;
  • abilitazione all’esercizio della professione;
  • iscrizione all’albo professionale dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri.

Esistono più tipi di ricette mediche e in base alla tipologia cambia la loro durata e funzione. È importante conoscerle nel dettaglio per sapere come utilizzarle.

Tipologie di ricetta

Sebbene tutte le tipologie di ricette abbiano lo scopo di prescrivere medicinali e terapie, nella pratica hanno funzioni differenti. Esse si diversificano per aspetti quali l’oggetto della prescrizione, le modalità di presentazione e di accesso al farmaco etico o al trattamento indicato.
Facciamo, quindi, chiarezza distinguendo ricetta:

  1. rosa o rossa;
  2. bianca;
  3. elettronica o dematerializzata;
  4. ripetibile.

La ricetta rossa (detta anche rosa) riguarda farmaci e prestazioni parzialmente o completamente a carico del Sistema Sanitario Nazionale (SSN). Questo è il motivo per cui può essere rilasciata solo da medici:

  • dipendenti del SSN;
  • di medicina generale convenzionati con il SSN;
  • pediatri di libera scelta convenzionati con il SSN.

Queste ricette mediche prendono il nome dal colore della carta filigranata su cui sono scritte.
Basta che il paziente le presenti a una farmacia, pubblica o privata, per ricevere il farmaco pagando solo il ticket ed eventualmente un supplemento pari a quello di un farmaco generico.

La ricetta rossa è valida solo nella regione di emissione, poiché il medico riceve un ricettario appositamente predisposto dalla ASL territoriale, che copre le spese relative a quanto prescritto.

La ricetta bianca può essere prescritta da qualsiasi chirurgo abilitato senza la necessità di una convenzione con il SSN.

Questo è possibile perché ciò che viene prescritto è a carico del cittadino.

Si tratta, infatti, di:

  • medicinali non coperti dalla sanità pubblica, ma che richiedono prescrizione medica, perché il loro consumo può avere conseguenze negative sulla salute del paziente;
  • esami e prestazioni specialistiche non indispensabili, ma di cui il cittadino ha necessità, come visite dermatologiche, allergologiche, dentistiche.

La ricetta bianca si differenzia da quella rosa/rossa per:

  • libertà nella scelta del tipo di carta;
  • possibilità di essere prescritta da qualsiasi chirurgo abilitato non convenzionato;
  • possibilità di scrivere la ricetta sia in formato fisico che digitale;
  • assenza dei dati sul paziente.

Va precisato che non è obbligatorio che una ricetta medica bianca sia scritta su carta effettivamente bianca. Tuttavia, poiché questo tipo di prescrizione è il più comune, ha assunto il nome di prescrizione “bianca”.

La ricetta elettronica o dematerializzata costituisce un sistema innovativo per la prescrizione di farmaci, che sostituisce la tradizionale ricetta cartacea.

Si tratta di un vero e proprio processo codificato e contraddistinto dal Numero di Ricetta Elettronica (NRE) attraverso il quale i medici comunicano al Servizio Sanitario Nazionale la prescrizione effettuata e autorizzano i cittadini ad accedere a farmaci o servizi.

Questo tipo di ricetta medica ha rivoluzionato il SSN, grazie ai benefici che essa offre:

  • riduzione dei costi;
  • riduzione di incomprensioni del testo scritto a mano;
  • tracciabilità delle spese sanitarie;
  • ottimizzazione dei tempi;
  • sostenibilità per il minor spreco di carta.

In seguito all’ordinanza della Presidenza del Consiglio dei Ministri del 21 marzo 2020 e al successivo DL n. 198 del 29 dicembre 2022 (decreto Milleproroghe) la ricetta dematerializzata è diventata la forma di prescrizione legata al SSN più diffusa.

Nonostante i numerosi vantaggi connessi a questo tipo di ricetta medica, va evidenziato che il sistema di prescrizione italiano non è ancora totalmente dematerializzato perché ancora basato sulla stampa di promemoria cartacei.

Va anche sottolineato che essa pone le farmacie di fronte a un nuovo modo di affrontare il lavoro. Si rivela, così, sempre più importante la formazione per i farmacisti offerta da società come Felia, che da oltre 15 anni si occupa di gestione farmaceutica.

La ricetta ripetibile consente al paziente di acquistare un farmaco più volte. Questo tipo di ricetta è utile per i pazienti affetti da patologie croniche, che grazie ad essa non hanno bisogno di recarsi frequentemente dal medico per ottenere una nuova ricetta ogni volta che il farmaco termina.
Chiaramente il medico deve essere in grado di monitorare costantemente la salute del paziente e la sua risposta al farmaco prescritto.

Validità della ricetta medica

La validità della ricetta medica è un aspetto importante da considerare quando si tratta di acquistare medicinali e servizi medici, poiché essa indica il periodo di tempo durante il quale la ricetta può essere utilizzata.

La validità varia a seconda della tipologia, ma solitamente è compresa tra i 30 giorni e 1 anno, sebbene possa essere più breve o più lunga a seconda delle circostanze. Ad esempio, la validità della ricetta può essere estesa se il paziente ha bisogno di un farmaco a lungo termine, mentre può essere più breve se il farmaco prescritto è per una condizione temporanea o se il paziente ha bisogno di un follow-up regolare con il medico.

La sua validità è importante perché garantisce che il paziente stia acquistando un medicinale sicuro e prescritto da un medico qualificato.

Entrando più nello specifico, ecco le diverse validità a seconda del tipo di ricetta medica:

  1. non ripetibili devono essere presentate alla farmacia entro 30 giorni dalla stesura, dopodiché la prescrizione decade e il paziente non può più acquistare il farmaco o il servizio indicato in farmacia e deve recarsi nuovamente dal medico per ottenere una nuova prescrizione;
  2. ripetibili per farmaci etici può essere presentata fino a 10 volte nell’arco di 6 mesi;
  3. ripetibili per gli stupefacenti hanno validità di massimo 3 utilizzi in 30 giorni.

Farmaci prescrivibili e senza ricetta

I farmaci possono essere suddivisi in due categorie principali:

  1. prescrivibili;
  2. senza ricetta.

I farmaci prescrivibili sono quelli che richiedono una valutazione medica e una diagnosi precisa per determinare la loro efficacia e la loro sicurezza per il paziente.

La prescrizione medica impiegata cambia in base ai medicinali e servizi richiesti, variando il tempo di variabilità della ricetta.

Con la ricetta rossa/rosa e con ricetta elettronica vengono prescritti farmaci a carico del SSN, detti di Classe A, ad esclusione di:

  • bombole di ossigeno;
  • farmaci “per conto” (medicinali in confezione ospedaliera ritirabili in farmacia);
  • farmaci di classe C;
  • stupefacenti;
  • medicinali associati a un piano terapeutico redatto dall’AIFA;
  • medicinali prescritti a domicilio;
  • cure psicotrope.

Con la ricetta bianca vengono prescritti i farmaci di classe C, ovvero a carico del cittadino, ad esclusione dei medicinali da banco che non richiedono ricetta medica.

Sono questi i farmaci acquistabili senza ricetta medica in farmacia o nei corner salute dei supermercati senza la necessità di prescrizione. Questi medicinali sono spesso utilizzati per trattare disturbi minori, come mal di testa, raffreddori e mal di stomaco.

La normativa italiana consente la consegna di farmaci senza prescrizione medica in situazioni di urgenza, ma solo se identificabili dal Decreto Ministeriale 31/03/2008 come:

  • impossibilità di interrompere il trattamento (es. terapia antibiotica);
  • necessità a proseguire il trattamento (es. patologie croniche);
  • prosecuzione del trattamento dopo le dimissioni dall’ospedale.

Anche in questo caso la dematerializzazione della ricetta medica semplifica l’erogazione di medicinali senza ricetta per urgenza, poiché permette al farmacista di verificare con certezza la storia medica del paziente e la presenza di richieste a suo nome.

Felia offre una soluzione completa per la gestione delle farmacie, formando i farmacisti anche nell’utilizzo dei vari tipi di prescrizioni e dei sistemi per la scansione delle ricette dematerializzate.

Questo supporto è cruciale per garantire che i farmacisti possano lavorare in modo efficiente e conforme alle norme, essendo sempre al passo con i cambiamenti nel settore farmaceutico per offrire un servizio di alta qualità.

condividi

utimi articoli

Qual è la differenza tra la ricetta bianca e rossa

Qual è la differenza tra la ricetta bianca e rossa

ricetta medica è un documento attraverso cui i cittadini possono prenotare esami di diagnostica strumentale, di laboratorio o visite specialistiche
Colon irritabile: prevenzione e cura

Colon irritabile: prevenzione e cura

irritabile, conosciuto anche come sindrome dell’intestino irritabile (IBS, dall’inglese Irritable Bowel Syndrome), è una condizione
Colon irritabile: cause e durata

Colon irritabile: cause e durata

irritabile: scopriamo cause e durata di questo fastidioso disturbo intestinale, sindrome cronica che affligge la salute
Come sapere se soffri di colon irritabile?

Come sapere se soffri di colon irritabile?

questo articolo spiegheremo come sapere se soffri di colon irritabile. Questa fastidiosa sindrome dell’intestino è una patologia
Infiammazione intestinale: prevenzione e cura

Infiammazione intestinale: prevenzione e cura

intestinale è una condizione che interessa il rivestimento dell’intestino crasso, causando una serie di sintomi, tra cui:
Come fare il test del microbiota intestinale?

Come fare il test del microbiota intestinale?

del microbiota intestinale è un esame non invasivo e innovativo che analizza la composizione del microbiota presente
Intestino infiammato: cause e durata

Intestino infiammato: cause e durata

infiammato è un disturbo comune che può causare sintomi fastidiosi e influenzare la qualità di vita. Comprendere questa condizione,
Come vedere se hai l'intestino infiammato?

Come vedere se hai l’intestino infiammato?

se si ha l’intestino infiammato è fondamentale per il benessere globale del nostro organismo oltre che per le buone funzioni
Quando richiedere il test del microbiota intestinale?

Quando richiedere il test del microbiota intestinale?

il test del microbiota intestinale è molto importante per l’identificazione del microbioma, ovvero della flora microscopica del nostro
Come conoscere il proprio microbiota?

Come conoscere il proprio microbiota?

il proprio microbiota è possibile con test specifici, che consentono di analizzarne la composizione e individuare eventuali squilibri
Test del microbiota intestinale: dove farlo e quanto costa

Test del microbiota intestinale: dove farlo e quanto costa

del microbiota intestinale permettono di analizzare la composizione del microbiota intestinale e individuare eventuali squilibri. Il
Probiotici: a cosa servono?

Probiotici: a cosa servono?

sempre più popolari nel mondo della salute e del benessere. Perciò è importante capire cosa sono esattamente e a cosa servono.

filtra per categoria

filtra per argomento

lavora con noi

In FELIA Farmacie consideriamo i farmacisti come la spina dorsale della nostra azienda, nonché del settore della salute. Offriamo risorse e supporto, tecnologia all'avanguardia, un approccio innovativo alla farmacia, e l'opportunità di avere un impatto reale sulle nostre comunità. Entra a far parte del nostro team e estendi i confini del mondo della farmacia.